In arte ci si sofferma troppo sull’opera e poco sul pensiero che l’ha generata.

di Carlo Vighi          

In arte ci si sofferma troppo sull’opera e poco sul pensiero che l’ha generata. L’opera è un campo relazionale, il mezzo tra il creatore e il fruitore, e non è frutto di autogenesi, non può assurgere al ruolo se non è collegata al pensiero.

Una traccia, un segno o semplicemente un punto su una superficie bianca decontestualizzato e svincolato perde ogni significato, il valore lo acquisisce solo attraverso il contenuto del pensiero generante. L’artista comunica attraverso il linguaggio, il fruitore è il destinatario che interpreta il linguaggio sulla base del pensiero dell’artista.

Carlo Vighi

Processo arte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: